News

Fqts 2018-2020: le novità spiegate in poche parole semplici

26 gennaio 2018

Con le novità introdotte dalla riforma del Terzo settore e le nuove esigenze espresse da associazioni e territori, anche la formazione per i dirigenti del mondo del non profit ha bisogno di cambiare. FQTS lo ha fatto e continua a farlo, adattandosi al diverso contesto sociale ed economico e facendo propri i suggerimenti raccolti in questi anni di esperienza nelle Regioni del Sud.  

Da una parte FQTS 2018-2020 modifica la sua strutturazione, ampliandola e organizzandola su più livelli; dall’altra amplifica il suo raggio d’azione in modo da coinvolgere più destinatari, raggiungere in modo capillare i territori e stimolare sinergie durature tra associazioni e tra persone.

Una delle più importanti novità della decima edizione di FQTS sono le nuove figure – animatori territoriali, docenti ed “emersori delle competenze” – che, dopo aver seguito una formazione specifica per i loro ruoli, accompagneranno e supporteranno tutti i partecipanti di FQTS che inizieranno il loro percorso a settembre prossimo, mettendo in pratica quanto appreso nella prima metà dell’anno.

Il primo appuntamento, dal 25 al 28 gennaio a Salerno, è rivolto proprio a chi ricoprirà i nuovi ruoli, in totale circa 150 e provenienti da tutta Italia. Ma chi sono e quale sarà effettivamente il loro compito?

Cosa fa l’animatore territoriale?

“Gli animatori territoriali”, spiega Andrea Volterrani, “sono quelle persone che supporteranno i partecipanti di FQTS e, quindi, le organizzazioni di Terzo settore in cui operano, a realizzare quelle azioni di sviluppo che vorranno mettere in atto sul territorio o all’interno degli enti”. Sono figure di raccordo, che faciliteranno le relazioni tra enti non profit e territorio per far sì che la progettualità del Terzo settore sia realmente valorizzata e abbia uno sviluppo concreto.

Una formazione “stile FQTS”

Considerando la diversità dei percorsi e dei livelli della formazione, è fondamentale fornire strumenti e competenze ai partecipanti con un approccio, una metodologia e degli strumenti simili. Per questo una linea formativa di FQTS è rivolta ai “docenti” - meglio ancora, alla “comunità formativa” - che, esattamente come gli animatori territoriali, da settembre 2018 accompagneranno i “destinatari finali” della formazione FQTS nei loro percorsi (a scelta tra: Territori e Co-programmazione Sociale, Politiche Culturali, Benessere ed Economia della Felicità, Democrazia e Partecipazione).

Una questione di competenze…

Il termine competenza non è sinonimo di conoscenza: a quest’ultima, infatti, aggiunge le abilità; la competenza si acquisisce anche in contesti non formali, al di fuori di scuole e università. “La competenza”, spiega Paolo di Rienzo, “ha in sé un principio democratico e di inclusione”. Imparare a riconoscerle e a valorizzarle sarà il compito degli “emersori”, anche loro a Salerno nel primo appuntamento della formazione FQTS.

Il prossimo incontro con animatori territoriali, docenti ed emersori delle competenze si terrà la terza settimana di febbraio, sempre a Salerno.

FQTS è un progetto promosso da Forum Terzo Settore e CSVnet.

 

Segui FQTS su Facebook: @progettofqts e su Twitter: @progetto_fqts

Consulta il nuovo sito del bilancio di missione FTQS: bilanciodimissione.fqts.org

<< Indietro
Content e graphic design studio idea comunicazione studio idea comunicazione Sviluppo PanPot